Sintomi

I Sintomi della dolorosa Nevralgia
del Trigemino

La Nevralgia del trigemino, nella la forma più frequente , si manifesta con tipiche crisi dolorose che colpiscono una parte più o meno estesa del viso, quasi sempre unilaterale.
Le crisi improvvise, di breve durata, sempre molto dolorose, all’inizio sono molto distanziate tra di loro, con tipiche intermittenze, tanto che i pazienti si dimenticano.
Fra una crisi e l’altra esistono periodi di pieno benessere e quindi, all’improvviso senza causa apparente, oppure a seguito di stimoli, quale il parlare, deglutire, lo starnuto, il soffiarsi il naso, il masticare, radere il viso, ecco insorgere il dolore di estrema violenza, a carattere folgorante. Con il passare dei mesi le crisi dolorose si fanno più frequenti, ravvicinate, per comparire anche più volte al giorno.
Questa situazione finisce per provocare un profondo stato di tensione, paura, angoscia provocata dal timore che si possa scatenare una crisi all’improvviso.
Il fenomeno doloroso presenta carattere folgorante, dapprima localizzato in un punto della faccia e quindi, con estrema rapidità, si irradia a tutto il territorio corrispondente alla branca trigeminale interessata; la sua durata è estremamente breve: si tratta di una vera sensazione di scarica elettrica, dolorosa, protratta per qualche secondo e poi tutto si dissolve.

Dopo la crisi dolorosa si possono osservare fenomeni caratterizzati da turbe vasomotorie e delle congiuntive ed aumento della secrezione nasale e lacrimale; nel giro di qualche minuto tutto scompare ed il dolore, con la stessa rapidità con cui si era manifestato, bruscamente scompare, cosi’ che il paziente torna ad una piena normalità, ma sotto il costante incubo di una successiva crisi.
La terapia farmacologica il più delle volte calma il dolore ma, con il passare del tempo, occorre aumentare le dosi, compaiono gli effetti collaterali e cosi’ è necessario ricorrere alla terapia chirurgica che, senza alcun effetto collaterale risolve definitivamente il problema doloroso.